ACI CASTELLO: PICCHIA IL COMPAGNO DELLA MADRE PERCHÉ PRETENDE L’ABITAZIONE IN ESCLUSIVA: ARRESTATO E RINCHIUSO IN CARCERE

I Carabinieri della Stazione di Aci Castello hanno arrestato nella flagranza un 24enne del posto, resosi responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate.
Il giovane ha avuto una vita movimentata, sua madre ha dovuto suo malgrado separarsi da suo padre per sfuggire alle percosse di un uomo violento, forse queste semplici ma pregnanti premesse hanno minato il suo carattere forgiandolo negativamente.

Il giovane è un apprezzato operaio edile ma, all’infuori dell’ambiente lavorativo, purtroppo, manifesta la sua aggressività che viene alimentata da due mostri che spesso lo accompagnano… alcol e ludopatia.

Nel pomeriggio di ieri la madre del ragazzo, che ha allacciato una nuova relazione con un 56enne del posto, aveva chiamato i Carabinieri avvertendoli che il figlio per l’ennesima volta stava per picchiare il compagno, quindi, l’immediato intervento dei militari, frammisto d’autorità e comprensione, era riuscito a calmarlo facendolo allontanare dall’abitazione.

Nella stessa serata purtroppo il giovane, forse perché di nuovo ubriaco, era ritornato sui suoi passi arrivando addirittura a scavalcare la recinzione sul cortile interno, salvo poi chiedere alla madre ed al compagno di poter entrare in casa per prendere soltanto alcune coperte ed andare via immediatamente.

La madre o, meglio, il suo cuore di mamma, dopo essersi consultata con il compagno, accettava la richiesta del figlio che però, entrato in casa, manifestava invece le sue reali intenzioni.

Il ragazzo infatti non ne voleva proprio sapere di andare via dall’abitazione e, per tal motivo, litigava con il convivente della madre al quale, addirittura, somministrava una sequela interminabile di schiaffi e pugni, distruggendo anche i mobili all’interno dell’appartamento.

Anche stavolta la donna si era premurata di avvisare i Carabinieri che, giunti immediatamente, trovavano l’uomo sanguinante e cercavano quindi di calmare il giovane il quale, per nulla intimorito dalla loro presenza, minacciava l’uomo dicendogli <<domani faccio salire una persona e le prenderai anche da lui!!!>>.

A quel punto i militari lo bloccavano mettendo fine alle sue intemperanze associandolo, su disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica etnea, al carcere catanese di Piazza Lanza.

Al malcapitato compagno della donna, visitato presso il pronto soccorso dell’ospedale “Cannizzaro”, i medici hanno rilasciato una prognosi di 30 giorni per le seguenti lesioni: “infrazione ossa nasali, escoriazioni in regione nasale e perinasale destra”.