Il giorno di dolore che uno ha: Valentina, Gianluca, Giuseppe e Antonio sono le nostre tracce d’amore

Il giorno di dolore che uno ha: Valentina, Gianluca, Giuseppe e Antonio sono le nostre tracce d’amore

95047.it Valentina, Gianluca, Giuseppe e Antonio ci hanno lasciato il fruscio di un’ala. E il sale di una lacrima. Poi sono volati via. Andando oltre la vita che avevano appena donato. Angeli della porta accanto che esistono per amare, fino al sacrificio di sè.
Un anno è passato da quell’inferno di fiamme e fumo. Da quella maledetta sera lungo via Unità d’Italia dove lo scontro tra due moto costò la vita a quattro ragazzi pieni di vita. Il cuore in gola rimane. Rimane a pensare a quelli che furono gli attimi della tragedia e dei soccorsi, purtroppo, inutili.

Un anno esatto è trascorso. E non riusciamo a dimenticarli. Impossibile. Abbiamo toccato con mano la dignità delle famiglie che non si sono rassegnate e che sono state d’esempio. Che hanno reagito senza accettare. Che, devastate dal dolore, hanno lasciato che la speranza non abdicasse. Abbiamo visto con i nostri occhi e con orgoglio profondo veder nascere una Onlus intitolata a Vicky Aureliano con la sorella Angelica che ha coinvolto e trascinato un mondo di gente perbene e pronta a spendersi. Eccola, la speranza: quella di chi non si rassegna.

Valentina, Gianluca, Giuseppe e Antonio oggi sono angeli che volano sopra le nostre esistenze: noi abbiamo voluto ricordarli, per onorare quattro ragazzi luminosi e dal sorriso bellissimo. In un tempo sfregiato quotidianamente da troppe figure che strisciano.
Valentina, Gianluca, Giuseppe e Antonio sono tracce di amore, strali di nostalgia per tutti noi che quella sera ne incrociammo il destino.