MOTTA SANT’ANASTASIA: PER 50 ANNI HA MINACCIATO E AGGREDITO LA MOGLIE E I FIGLI: ARRESTATO 78ENNE

La Procura Distrettuale della Repubblica, nell’ambito di indagini a carico di D.G., di anni 78, indagato per i reati di maltrattamenti contro familiari, lesioni personali aggravate e violazione di domicilio, commessi in danno della moglie e dei figli conviventi, ha richiesto ed ottenuto la misura cautelare della custodia degli arresti domiciliari eseguita dai Carabinieri della Stazione di Motta Sant’Anastasia  (CT).
Le indagini, coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che concernono la violenza di genere, hanno evidenziato una lunga serie di episodi che hanno costretto la donna e i figli a vivere dal 1973 ad oggi (anche dopo la separazione avvenuta nel 2006) in un intollerabile clima familiare  costellato solo da violenza e sopraffazione.
L’uomo nel corso della convivenza familiare ha posto in essere una serie di condotte minacciose e violente in danno della moglie che, in più occasioni, è stata aggredita con calci e pugni nonché con l’uso di bastoni, che le hanno cagionato seri traumi refertati nel corso degli anni dai sanitari di diversi ospedali del capoluogo e della provincia etnea.
Azioni perpetrate con le stesse modalità anche nei confronti dei due figli ormai maggiorenni, colpevoli, secondo la barbara visione del padre-padrone, di difendere solo la madre, perseguitata dall’uomo anche a seguito della separazione (dopo la quale, pur trasferendosi in un altro domicilio, aveva preteso che la stessa lo continuasse ad “accudire”) giungendo addirittura a introdursi nottetempo in casa delle vittime, tramite l’effrazione di una finestra, per minacciare di morte e poi picchiare con un bastone l’ex moglie e la figlia.
La vittima, persuasa anche dai figli, ha comunque trovato la forza di reagire denunciando il marito ai Carabinieri, consentendo così agli investigatori di raffigurare un quadro probatorio che non ha lasciato alcun dubbio al giudice il quale, accogliendo la richiesta della Procura, ha emesso la misura restrittiva.

Raccomandati per te: