PATERNO’ IL COMUNE ATTIVO CONTRO IL RANDAGISMO

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Si mantiene alta l’attenzione dell’Amministrazione Naso sul fronte del randagismo, specie dopo l’episodio della scorsa notte durante la quale si è registrato l’ennesimo episodio di noncuranza da parte di due concittadini che, a bordo di uno scooter, lanciato a fortissima velocità su via Ametista, hanno violentemente centrato un cane che è balzato in aria per un lungo tratto, il cane è molto probabilmente morto sul colpo.

Subito dopo l’impatto, la telefonata di una donna ha avvertito i vigili urbani dell’accaduto: erano le ore 1.30.

A quell’ora il servizio è interrotto e si è potuto intervenire alle prime ore del mattino quando l’animale è stato chiuso in un sacco dagli operatori della Dusty e trasportato presso l’isola ecologica. Le immagini dell’accaduto, impresse nella memoria di una telecamera di sorveglianza nei pressi del luogo dell’incidente,  testimoniano l’accaduto, la donna della telefonata, invitata a presentarsi per una dichiarazione formale, non si è più fatta viva ma la vicenda ha destato grande attenzione su FB.

L’accaduto è stato commentato dal primo cittadino con rammarico per la circostanza che diversi incidenti a danno degli amici a quattro zampe avvengono proprio nelle ore notturne, potrebbe non trattarsi di una semplice casualità. Si cercherà di provvedere per  coprire il buco delle ore notturne.

Intanto l’ispettore Rapisarda della Polizia Municipale ha precisato che questo è solo uno dei tantissimi incidenti a danno dei cani che avvengono in città e che, malgrado non suscitino grande risonanza sui social, sono stati oggetto dell’attenzione e dell’azione del Corpo di vigilanza.

1 Comment

  1. Fino a quando non si risolverà il problema del randagismo, il preoccupante fenomeno della mattanza di cani a Paternò non cesserà mai di esistere, ed è su quello infatti che la nuova amministrazione comunale deve intervenire. Se da un lato il randagismo comporta pericoli all’incolumità dei cittadini che rischiano di essere aggrediti da un cane o da un branco di cani, dall’altro comporta anche pericoli per i randagi stessi, specie quelli innocui, che come abbiamo visto sono vittime di balordi senza scrupoli e di una malvagità assoluta che li uccidono volutamente.

    Già Paternò e noi paternesi non godiamo di ottima reputazione al di fuori del nostro territorio, per cui episodi come questo che stanno avvenendo con fin troppa frequenza, non fanno altro che aggravare ulteriormente la nostra reputazione.

I commenti sono chiusi.