A colpi di carte bollate: la petizione sull’Irpef finisce dai carabinieri

A colpi di carte bollate: la petizione sull’Irpef finisce dai carabinieri

95047.it L’abolizione dell’addizionale Irpef, votata dal consiglio comunale lo scorso mese di dicembre su proposta dell’amministrazione e degli uffici, finisce ai carabinieri. I firmatari della petizione popolare che chiede la cancellazione dell’aumento del balzello, questo pomeriggio si sono recati in caserma a Paternò per denunciare, attraverso un esposto, la mancata convocazione dell’assise comunale sull’argomento.


“Lo statuto comunale di Paternò -recita l’esposto – disciplina la procedura di un istituto previsto dall’ordinamento giuridico: la proposta deliberativa di iniziativa popolare. L’art. 80 prevede che ciascuna proposta rechi l’indicazione di tre rappresentanti dei firmatari che devono essere almeno 500. Inoltre, è previsto che la proposta venga discusso presso l’organo competente entro due mesi dalla presentazione della stessa. Ad oggi, sebbene i termini siano abbondantemente passati, non vi è stata alcuna convocazione”.

“Vogliono mettere a tacere 6 mila persone che hanno firmato quella petizione – racconta l’ex consigliere Nino Naso -. Il popolo si è svegliato e noi siamo felici di poterlo rappresentare e saremmo più felici se l’amministrazione lo ascoltasse. Penso che siamo arrivati ad un bivio e l’amministrazione deve assumersi la propria responsabilità. Lo stesso vale per il consiglio comunale. Per troppo tempo si è giocato con gli equivoci: ora basta. Chi è stato votato deve ascoltare le esigenze dei cittadini che esigono risposte”.

2 Commenti

  • SONO FERMAMENTE CONFINTO CHE SE ANDRANNO A CASA IL SINDACO, CONSIGLIERI ED ASSESSORI, CA MBIRANNO GLI ORCHESTRALI MA LA MUSICA SARA’ SEMPRE QUELLA . BISOGNA CHE QUESTI SIGNORI PAGHINO GLI ERRORI COMMESSI PERSONALMENTE E CON SOLDI PROPRI E CHE NON RITORNINO PIU’ PERCHE’ PROVATAMENTE INCAPACI E POCO CREDIBILI

  • Bisogna che tutti Sindaco,Assessori ,Presidente del Consiglio e Consiglieri vadano a casa sono degli incapaci hanno preso in giro la città .Carissimi consiglieri comunali abbiate il coraggio di fare come hanno fatto a Caltagirone,SFIDUCIATE IL SINDACO non pensate al gettone di presenza ma ai cittadini che stanno soffrendo oppressi dalle vostre tasse.

I commenti sono chiusi.