Al lavoro per eliminare i nidi di processionaria dagli alberi di pino

Al lavoro per eliminare i nidi di processionaria dagli alberi di pino

95047.it Nei giorni scorsi, il Comune di Paternò ha ricevuto delle segnalazioni da parte di alcuni cittadini paternesi, preoccupati per la presenza di nidi di “Processionaria” su alcune piante di pino presenti in città. A rassicurare i cittadini, interviene l’assessore al Verde pubblico, Agostino Borzì, che evidenzia: «Il monitoraggio ed il controllo della presenza di nidi di processionaria sulle numerosissime piante di pino presenti nel territorio comunale viene effettuata annualmente, durante il periodo invernale, dai tecnici e dagli operatori dell’Ufficio al Verde del nostro Comune. Anche quest’anno abbiamo cominciato per tempo alla eliminazione dei nidi individuati durante la fase di monitoraggio. Gli interventi vengono effettuati senza l’utilizzo di prodotti velenosi e con la semplice asportazione meccanica del ramo infestato e del relativo nido, che vengono portati lontano e bruciati in sicurezza. L’operazione è relativamente complessa soltanto perché necessità dell’utilizzo di un cestello per raggiungere la parte più alta degli alberi».

Completati gli interventi di rimozione, attraverso l’Assessorato alla Pubblica istruzione, il Comune ha chiesto a tutte le scuole di rendere nota l’eventuale presenza di nidi che fossero sfuggiti ai precedenti interventi. Alla fine di marzo, anche a seguito di alcune segnalazioni, si è così provveduto all’eliminazione di nidi di parassiti presso l’asilo di via Messina, l’Istituto Comprensivo Don Milani e il IV Circolo didattico di viale Kennedy. In quest’ultimo caso, dopo un ulteriore sopralluogo, è stata riscontrata la presenza di nidi di processionaria sulle piante di pino messe a dimora nei cortili interni del plesso. Non potendo intervenire con l’utilizzo del cestello, in quanto aree non accessibili ai mezzi meccanici, è stata effettuata la rimozione dei parassiti con l’ausilio di un esperto di “tree climbing” che, munito di corde, caschetto e moschettoni, si è arrampicato sino in cima alle piantem eliminando il pericolo. «Invito la cittadinanza – aggiunge l’assessore Borzì – a collaborare con l’Amministrazione, effettuando la segnalazione della presenza di nidi al competente Ufficio Verde Pubblico del Comune». E infine, la raccomandazione: «Qualora si dovesse riscontrare la presenza di larve in movimento sul terreno è fondamentale evitare qualsiasi forma di contatto sia con gli insetti che con le superfici su cui si poggiano. Le larve infatti sono dotate di peli urticanti che possono causare forti irritazioni alla pelle e, soprattutto, agli occhi ed alle vie respiratorie. Quindi, massima attenzione ma niente allarmismi ingiustificati – conclude l’assessore».