Arrestato Ignazio Sciurello: uccise Pappalardo nelle campagne di Paternò

95047.it Arrestato l’omicida di Massimo Pappalardo: bruciato nelle campagne di Paternò nella notte tra l’8 ed il 9 marzo.
Ignazio Sciurello era stato già individuato come l’assassino del giovane di Valverde: con lui erano stati arrestati anche Giuseppe Sciurello e Massimo Distefano. Ignazio Sciurello era latitante ed è stato arrestato in Francia in un paesino a pochi chilometri da Parigi. Sciurello aveva ucciso Pappalardo per motivi passionali: “colpa” della vittima era quella di intrattenere una relazione con una sua ex.

A Sciurello si è arrivati attraverso intercettazioni telefoniche: è stato fermato per strada mentre si “godeva” la sua latitanza. In Francia, Ignazio Sciurello aveva degli agganci che avrebbero protetto la sua fuga. A collaborare con i carabinieri del comando provinciale e della Compagnia di Paternò anche gli agenti d’oltralpe.
Sciurello aveva con sè una carta d’identità contraffatta: il documento è risultato essere stato smarrito a Paternò la scorsa estate.

L’attività di indagine ha consentito di far luce sulla squadra di fiancheggiatori del latitante che si occupava del vitto, alloggio e del mantenimento dei rapporti telefonici con i familiari. La proficua collaborazione internazionale ha infine permesso di sorprendere l’arrestato nei pressi di un ristorante della cittadina francese. Sciurello, non ha opposto resistenza ed ha subito avvisato gli agenti, in accento siciliano, di non sapere il francese esibendo una carta d’identità risultata, come detto, contraffatta. La cattura pone fine ad una latitanza che durava dallo scorso mese di aprile.

Raccomandati per te: