ASSALTANO GIOIELLERIA IN VIA UMBERTO, PRESI

Nella mattinata di ieri  intorno alle 09:45 la gioielleria “Orogemma”, sita in questa via Umberto, è stata oggetto di una rapina da parte di due individui che, inizialmente, simulando l’acquisto di un braccialetto, hanno ben presto rivelato le loro reali intenzioni minacciando – senza l’utilizzo di alcuna arma ed aventi unicamente una mascherina chirurgica – di fare del male al titolare e alla dipendente. Nella circostanza, nonostante la reazione delle vittime, i due malviventi, dopo una breve colluttazione, sono riusciti ad immobilizzarle, fermandone i polsi con delle fascette di plastica autobloccanti e razziando quindi monili e denaro per un valore complessivo di circa 1.500 euro.
L’immediato allarme di rapina pervenuto al 112 NUE, però, ha consentito l’intervento sul posto di due pattuglie del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Catania che sono giunte in pochi secondi, trovando addirittura i due rapinatori appena usciti dalla gioielleria con la refurtiva nelle mani.
La loro intimazione di fermarsi ha però fatto sì che i criminali gettassero in terra i preziosi dandosi alla fuga ognuno in direzione diversa.
Uno dei malviventi, il 22enne Emanuele UCCELLATORE di Mascalucia, in particolare, dopo una fuga di circa 200 metri è stato bloccato ed ammanettato nell’immediatezza da un militare in piazza Horacio Majorana, mentre l’altro è riuscito a dileguarsi.
Nel corso delle immediate ricerche, grazie anche ad un rapido e certosino esame delle immagini estrapolate da sistemi di videosorveglianza ubicati nei pressi nonché dei controlli del territorio del citato arrestato, è stato possibile identificare il complice in Alessandro DEL POZZO, di anni 22, rintracciato presso la sua abitazione di Mascalucia e precedentemente tratto in arresto proprio con l’UCCELLATORE nel settembre del 2017 per reati in materia di droga.
Il riconoscimento di quest’ultimo da parte del gioielliere vittima della rapina, nonché la concordanza di un particolare modello di scarpe sportive indossate nelle fasi dell’azione criminale con quelle indossate da DEL POZZO al momento del suo arresto hanno posto il sigillo sulla sua certa identificazione.
I due, espletate le formalità di rito, sono stati tradotti in carcere cosi come disposto dal magistrato di turno della Procura della Repubblica di Catania.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.