“Assurdo assistere ad uno scempio del genere”

“Assurdo assistere ad uno scempio del genere”

95047.it “Il fatto stesso che in Sicilia si proceda ancora in questo modo, la dice lunga su tante cose”. Federica Argentati è la presidente del Distretto Agrumi Sicilia. Il suo intervento sui quintali di residuo degli agrumi rinvenuti in contrada Fossa Creta e raccontati da 95047.it è di quelli puntuali e indignati: “Il pastazzo, che è proprio la parte residuale dell’agrume e non può essere gettato lì in quel modo”, spiega. E ancora: “Attraverso la Coca Cola Foundation abbiamo realizzato un impianto pilota di bio-gas che, in collaborazione con l’Università di Catania, che dimostra come quel rifiuto possa diventare un sottoprodotto importante. Un valore aggiunto come l’energia elettrica: ed è assurdo assistere nel 2016 ad uno scempio del genere. La Sicilia è ancora indietro e serve una svolta culturale da parte delle imprese”.

Per la cronaca, esiste un decreto ministeriale che regolamenta la gestione dei resti degli agrumi. Ma la verità è che smaltire un vagone di questi residui costa all’incirca 2 mila euro: la ditta in questione è andata alla sbrigativa, scaricando tutto in questo modo vile. Deturpando tutto (e non è certo la prima volta). Ed in tanti lettori, oggi interpellando la nostra testata chiedono l’intervento della magistratura. 
E non hanno certo tutti i torti. Anzi.