BELPASSO. GUERRA A CHI ABBANDONA I RIFIUTI , SEGNALATI 17 INCIVILI ALLA PROCURA

“La guerra agli zozzoni è dura, ma non per questo impossibile. Monitoriamo ogni giorno il nostro territorio, utilizzando delle telecamere itineranti già da questa estate.

Grazie alle telecamere, abbiamo individuato diversi cittadini mentre abbandonavano illecitamente dei rifiuti e per questo sono stati segnalati alla Procura, la quale si occupa di comminare la pena”, dichiara il Sindaco di Belpasso Carlo Caputo.

A oggi il Comune di Belpasso è riuscito a notificare 17 notizie di reato inviate in Procura (che ha già cominciato a condannare i trasgressori al pagamento di ammende penali).

Con la nuova legge n.137 del 9 ottobre del 2023, infatti, si stabilisce l’applicazione di un’ammenda penale (e non più di una sanzione amministrativa) nel caso di abbandono rifiuti compiuto anche da semplici cittadini.

In base a quanto stabilito, chiunque compia abbandono di rifiuti è punito con ammenda da mille a 10mila euro (in precedenza, la norma prevedeva una sanzione amministrativa pecuniaria da 300 a 3mila euro). La pena è aumentata sino al doppio se l’abbandono riguarda rifiuti pericolosi.

La disposizione prevede la pena dell’arresto e/o dell’ammenda – fino a 26mila – euro per i titolari di imprese e i responsabili di Enti che abbandonano rifiuti.

Tra le altre importanti novità anche le aggravanti per inquinamento ambientale e disastro ambientale in area protetta.

“Abbiamo lanciato una campagna di sensibilizzazione sull’argomento e teniamo alta l’attenzione quotidianamente.

La segnalazione di 17 incivili è un risultato importante ma io spero si cambi presto la mentalità; e non perché si ha paura di essere beccati e di pagare una sanzione, ma perché si comprenda quanto sia importante rispettare e preservare il nostro territorio”, conclude il sindaco.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.