CALTAGIRONE: METTE UN “LIKE” SU FACEBOOK AD UN UOMO, VIENE PESTATA DAL MARITO

I Carabinieri della Stazione di Caltagirone, nella flagranza di reato, hanno arrestato un 35enne del posto ritenuto responsabile di maltrattamenti verso familiari e conviventi.

Nel pomeriggio la pattuglia della stazione, a seguito della richiesta d’aiuto di una 36enne che ha riferito all’operatore di essere stata per l’ennesima volta picchiata dal marito, si è recata in via Parini notando immediatamente un uomo, da loro già conosciuto, seduto in quel momento sul marciapiedi in un evidente stato d’alterazione psicologica.

Quest’ultimo, a loro richiesta, ha riferito d’aver effettivamente litigato con la moglie e di essere in attesa dell’arrivo di alcuni amici, tanto che i militari si sono recati nella sua abitazione dove hanno trovato la donna dolorante per i colpi ricevuti e che, alla vista, evidenziava numerosi ematomi soprattutto agli arti inferiori.

Hanno pertanto fatto intervenire il personale del 118 che ha trasportato la donna al pronto soccorso dell’ospedale di Caltagirone, dove i medici le hanno diagnosticato “trauma contusivo con ematoma gamba sx, stato d’ansia reattiva”, con una prognosi di 12 giorni.

La donna ha quindi manifestato ai militari la volontà di procedere legalmente nei confronti del marito, perché quello era soltanto l’ultimo episodio di una lunga serie di violenze alle quali quest’ultimo l’aveva sottoposta anche perché, ormai, fuorviato da alcol e droga.

La donna ha raccontato che il marito era reduce da ulteriori due matrimoni entrambi naufragati a causa della stessa motivazione, nel corso dei quali erano nate altrettante figlie.

L’uomo, che ha una lunga sfilza di trascorsi giudiziari dai quali si evince il suo carattere violento e irascibile, oltretutto aggravato dal mese di luglio dello scorso anno dalla sua ricaduta nel vortice della droga, nutre una degenerata gelosia nei confronti della moglie rea, proprio quel pomeriggio, d’aver espresso un “like” su un post pubblicato da un uomo su Facebook.

La reazione del marito, in preda ai fumi dell’alcol, è stata violentissima perché le ha sferrato calci alle gambe con le scarpe antinfortunistica (con la punta in acciaio), quindi la poveretta ha potuto chiedere aiuto soltanto quando quest’ultimo si è allontanato per fare una telefonata, sino a quando è stato bloccato dai Carabinieri.

L’uomo è stato associato al carcere di Caltagirone, come disposto dal giudice in sede di convalida

Seguici su FACEBOOK e INSTAGRAM ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM per essere aggiornato sulle notizie e nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.