CALTAGIRONE: TROVATA PIANTAGIONE DI MARIJUANA ALL’INTERNO DI UN VIGNETO

Ieri, personale del Commissariato di Caltagirone, ha arrestato per coltivazione, produzione, estrazione e raffinazione di sostanze stupefacenti o psicotrope CRISCIONE Raffaele, nato a Comiso (classe 1977) e TERNOVA Bilbil, nato a Fier (Albania) (classe 1966), nonché denunciati in stato di libertà per la medesima condotta illecita i cittadini Albanesi H. D. (classe 1967) e H. X. (classe 1963).

Il citato personale del Commissariato, a seguito di attività investigativa veniva a conoscenza che in C/da Piano Stella, nei pressi della comunità l’OASI, all’interno di un ampio appezzamento coltivato a vigneto, vi era anche una piantagione di cannabis.

A seguito di attività di appostamento, gli operatori procedevano ad accedere all’interno del fondo di proprietà del CRISCIONE Raffaele, sito in c.da Piano Stella, agro di Caltagirone, al fine di eseguire una perquisizione, volta a verificare la presenza di una piantagione di marijuana all’interno di alcune serre coltivate a vigneto. Sul posto, oltre al CRISCIONE Raffaele, si aveva la presenza del TERNOVA Bilbil nonché di altri due cittadini albanesi intenti alla raccolta di ortaggi.

In particolare, si constatava che una porzione di tendone adibito a viti, era coltivato per circa metà ad ortaggi, mentre a seguire si verificava la presenza di piante di marijuana di varia altezza per un numero complessivo di 408; giova evidenziare che tale porzione di terreno aveva la superfice ricoperta da telone anti erbacce e con circa 1300 buchi per la semina, ove non vi era nessuna vegetazione. Inoltre, in un terreno attiguo, anch’esso adibito alla coltivazione di uva da tavola, si appurava la presenza di analogo telone nero per la semina e impianto di irrigazione a mezzo di manichette traforate, in cui si riscontravano circa 2.300 gambi di vegetazione arbustea recisa, verosimilmente marijuana. Ciò è avvalorato dal fatto che alcuni di tali gambi stavano già germogliando e che sul terreno vi erano residui di piantagione di marijuana.

Il CRISCIONE, ammetteva le proprie responsabilità aggiungendo che era il BIRBIIL colui che aveva contatti con persone di Catania che gli avevano proposto tale coltivazione, precisando che la coppia di albanesi identificata sul posto erano operai che stavano procedendo alla raccolta di zucchine, siccome verificato dagli operanti. L’ulteriore attività di P.G., effettuata nell’immediatezza, permetteva anche il rinvenimento in un deposito/garage di proprietà del CRESCIONE adibito a laboratorio e trasformazione della marijuana in panetti di hashish. Sul luogo, innaffi, vi era un vero e proprio stabilimento attrezzato di tutto punto in cui si essiccava la pianta e dalle foglie e dall’infiorescenza, con metodi artigianali, se ne estraeva l’olio che opportunamente trattato veniva trasformato in panetti di hashish.

Sono stati rinvenuti e sequestrati:

6 sacchi di plastica di colore nero contenenti un quantitativo totale di Kg. 121,900 di sostanza erbacea macerata di colore verde, presumibilmente marijuana;
2 contenitori in acciaio inox marca Sansone contenenti Kg. 33,400 lordo di sostanza erbacea in essiccazione di colore verde, presumibilmente marijuana;
1 sacco nero di plastica contenente scarto di macerazione per un peso complessivo di Kg. 11,800 di sostanza erbacea di colore verde, presumibilmente marijuana;
3 contenitori in plastica con all’interno sostanza liquida viscosa e densa di colore verde scuro, per un peso complessivo di Kg. 5,538, presumibilmente derivati dalla trasformazione delle foglie di marijuana;
1 tinello di plastica di colore azzurro di cm 70 di diametro contenente sostanza liquida viscosa e densa di colore verde scuro, per un peso complessivo lordo di Kg. 6,500, presumibilmente derivati dalla trasformazione delle foglie di marijuana;
1 bruciatore mono fornello munito di attacco al gas;
27 cartoni contenenti ciascuno nr. 6 bottiglie vuote da 1 litro di alcool marca Bongusto “95” ;
7 cartoni contenenti ciascuno per un totale di 84 bottiglie vuote da 1 litro di alcool marca Bongusto “95”;
1 sbattitore elettrico di colore rosso e grigio;
1 bombola da gas di 25 Litri;
1 torchio marca Mecnosud completo di due piastre spessoree in legno intrise di sostanza erbacea di colore verde;
Pertanto, venivano sequestrate 408 piante e 154 Kg di sostanza erbacea macerata di colore verde, presumibilmente marijuana, nonché 8,5 Kg circa di sostanza viscosa derivante dalla trasformazione delle foglie di marijuana.

Alla luce di quanto sopra, tenuto conto dei gravi indizi di colpevolezza, considerate le dichiarazioni afferenti l’ammissione di reità in ordine alla coltivazione, produzione estrazione e raffinazione di sostanze stupefacenti e psicotrope, il CRISCIONE e il TERNOVA venivano denunciati in stato d’arresto e, su disposizione del PM, i soggetti in argomento venivano posti agli arresti presso i propri domicili.

 

Raccomandati per te: