Cara Paternò, che sia per te un Buon Natale (e che il tuo albero sia pieno d’arance)

95047.it Quale augurio di pace può sopravvivere ai tempi difficili e complicati che stiamo vivendo? Qual è il messaggio che oggi dovrebbe campeggiare nei nostri cuori divenuti aridi e impenetrabili?
Non è una questione di religione o di steccati politici. E’ semplicemente il far riemergere l’importanza che una comunità come quella paternese resti unita. 
Oggi, è invece divisa in mille dissidi e mille contrapposizioni. Le cause? Non sarebbe questo il giorno e la sede migliore per discuterne o flagellarci.
In questo 25 dicembre 2015 prendiamoci la bellezza delle “cose paternesi” da valorizzare. Prendiamoci una boccata d’aria: realizziamo nel nostro intimo il Presepe paternese. 
Ed a proposito di bellezza e di presepe, vogliamo ricordare l’impegno delle parrocchie e dei parrocchiani della città che in questi giorni daranno vita alla rappresentazione dei Presepi Viventi.
Che sia davvero un Buon Natale, al di là della facile retorica.

Ecco i giorni e gli orari dei Presepi Viventi:

SAN BIAGIO (a cura dell’associazione San Biagio):
25/26 dicembre e 1/3 gennaio
ore 19-22

BORGO GANCIA (a cura della parrocchia Santa Maria dell’Alto):
26/27 dicembre e 2 gennaio
dalle ore 17.30

SANTISSIMO SALVATORE (a cura della parrocchia Santissimo Salvatore):
27 dicembre
ore 18-22

CRISTO RE (a cura della parrocchia Cristo Re)
“Il viaggio dei Re. La storia di tre uomini alla ricerca di un solo uomo, di un solo Dio, di una sola verità”
3 gennaio
alle ore 18 e alle ore 21

Raccomandati per te:

1 Comment

  1. Cari,
    Abbiamo conoscuto Padre Pio.Era il caro cugino nella mia Nonna Francesca.
    A sempre chiesto a noi tutti di lavorare per il signore.
    Lo riccorderemo sempre con tanti affecto.
    Famiglia Barberi Filippo e figli .Belgio.

I commenti sono chiusi.