CATANIA: Armi non dichiarate, scatta il sequestro della polizia

Continuano i controlli del Commissariato Borgo-Ognina finalizzati a prevenire e reprimere i reati in materia di armi e munizioni.

Proprio nei giorni scorsi è stato accertato che una donna residente nel rione “Canalicchio”, a seguito del decesso del marito avvenuto nel 2015, ha ereditato 3 fucili, continuando a custodirli senza darne immediata comunicazione, come imposto dalla legge, all’Ufficio locale di P.S.. Il personale, avendo avuto notizia dell’irregolare detenzione delle armi suddette, si è recato presso il domicilio della donna per effettuare il controllo e sottoporre a sequestro le armi. Nella circostanza, sono state sequestrate anche numerose munizioni.
La donna è stata indagata in stato di libertà, per l’omessa denuncia di detenzione di armi.

Analogo controllo è stato svolto dallo stesso personale in zona P.zza Europa, a seguito di una richiesta formulata da un’anziana donna che ha segnalato la detenzione di armi appartenute al defunto marito: dopo avere appreso dagli organi di stampa che erano in atto i controlli della Questura nei confronti di detentori di armi e munizioni, ha richiesto la loro presa in consegna, per la successiva rottamazione.

Si rammenta che l’eventuale comunicazione di eredità di armi deve essere effettuata, al massimo entro 72 ore, come sancito dalla legge

Raccomandati per te: