CATANIA, CONTROLLI NEL WEEKEND: CHIUSI 4 LOCALI, DISCIOLTI 15 ASSEMBRAMENTI E DENUNCIATE 3 PERSONE

In vista del week-end in cui cadeva la festività del 1 maggio e della temperatura mite del periodo primaverile che richiama l’afflusso di persone nelle principali aree di ritrovo, la Questura di Catania, secondo le strategie pianificate in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, oltre ai convenzionali servizi di controllo del territorio a contrasto di ogni forma di illegalità, ha organizzato e predisposto servizi specifici, mirati al controllo delle norme anticovid e diretti al contenimento della diffusione del virus. Diverse le zone che sono state presidiate dalla Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Locale ed Esercito: zone quali piazza Federico di Svevia, piazza Currò, piazza Teatro Massimo, piazza Vincenzo Bellini, piazza Scammacca, piazza Sciuti, viale Africa, piazza Europa e via del Rotolo, che risultano particolarmente interessati alla movida, fungendo da punto di ritrovo in particolare di giovani.

Sono state complessivamente controllate 320 persone, di cui 13 sanzionate per violazione delle norme anticovid; sono state ritirate 56 autocertificazioni e sono stati disciolti 15 assembramenti, riscontrati in diverse piazze del centro, tra cui, nella notte tra venerdì e sabato, in piazza Carlo Alberto dove il personale della Polizia di Stato intervenuto è riuscito a bloccare tre persone, prive di mascherina, le quali hanno iniziato a dimenarsi e a colpirli. Con l’ausilio anche delle pattuglie delle altre forze di polizia presenti sul territorio, giunte successivamente sul posto, i poliziotti hanno bloccato e arrestato i tre per minacce, violenza, oltraggio, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale. Gli agenti, poi andati al pronto soccorso, sono stati refertati con una prognosi di diversi giorni per contusioni varie.

Durante questo week-end l’attenzione è stata posta anche su diverse attività commerciali, procedendo al controllo di 15 esercizi pubblici, di cui 4 sanzionati per mancato rispetto delle norme anticovid cui si è aggiunta la sanzione accessoria della chiusura per 5 giorni: si tratta di due mini market, rispettivamente in via Auteri e in via S. Gaetano, un chiosco in piazza Cuore di Maria e una sala da barba in via Principe Nicola.

 

Seguici su FACEBOOK e INSTAGRAM ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM per essere aggiornato sulle notizie e nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi.