CATANIA, NEL PARCHEGGIO DI UN CENTRO COMMERCIALE SI SCAMBIANO 2,1 KG DI COCAINA

I servizi a tutela della sicurezza del territorio, istituiti in seno al comitato dell’ordine e sicurezza pubblica e disposti con apposita ordinanza dal Questore di Catania, hanno permesso di massimizzare i risultati anche in tema di repressione dei reati, con speciale riferimento a quelli che destano maggior allarme sociale, come nel caso del traffico e dello spaccio di stupefacenti.

Con l’arresto del pregiudicato calabrese Antonio La Face 28enne, avvenuto ieri per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacente, i poliziotti della squadra mobile hanno posto sotto sequestro ben 2,100 chilogrammi di cocaina.

Fondamentale è stato l’intuito degli agenti: infatti, l’uomo è stato notato mentre si trovava all’interno del parcheggio di un noto centro commerciale della periferia ovest di Catania, zona oggetto dell’osservazione da parte della polizia.

A insospettire i poliziotti, quel motociclista fermo, a motore spento e in sella alla sua moto, quasi come se stesse attendendo qualcuno, ma pronto a ripartire: un atteggiamento che ha spinto gli investigatori a vederci chiaro.

E non a torto. Pochi istanti dopo, infatti, il motociclista è stato affiancato da una Volkswagen Passat, con il cui conducente ha scambiato un’occhiata d’intesa, dopodichè i due mezzi sono usciti dall’area di parcheggio, discretamente tallonati dai poliziotti.

Non restava che procedere al controllo, evitato dal motociclista che è riuscito a eludere l’alt che gli era stato intimato, ma che ha dato risultati sorprendenti per quanto riguarda il contenuto della vettura che, invece, è stata fermata e perquisita insieme al suo conducente, l’arrestato Laface.

I due panetti di cocaina per un peso di oltre due chilogrammi, sono stati trovati ben nascosti nel bagagliaio dell’automobile.

La droga è stata, quindi, sequestrata e Laface è stato condotto in Questura da dove, espletate le formalità di rito, è stato tradotto nel carcere Piazza Lanza.

 

Raccomandati per te: