CATANIA: Rubano un’auto e chiedono il riscatto mentre la vittima è dalla Polizia per fare la denuncia – FOTO

La Polizia di Stato di Catania ha arrestato Francesco Graziano Ferlito, 46 anni, pregiudicato; Giacomo Cannavò, 45 anni, pregiudicato; Domenico Agatino Cannavò, 22 anni, perché ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di estorsione, nella forma del cosiddetto “cavallo di ritorno”.

Com’è noto tra le altre forme di estorsione figura il “cavallo di ritorno” che prevede il pagamento di un riscatto da parte di chi ha subito un furto per ottenere il maltolto.
Questo fenomeno è particolarmente presente anche nel nostro territorio e riguarda in maniera preponderante il furto di autovetture/motocicli.

Nella serata dello scorso 11 luglio, una persona segnalava il furto dell’autovettura Fiat 500 lasciata in sosta nella zona del centro cittadino.
Nella tarda mattinata di ieri la vittima veniva invitata presso gli uffici della Squadra Mobile per formalizzare la denuncia e durante la stesura faceva riferimento ad alcune telefonate ricevute in cui veniva prospettata la possibilità di ottenere la restituzione del mezzo previo pagamento di una somma di denaro.

In effetti, durante la permanenza negli uffici di Polizia, riceveva una ulteriore telefonata in cui l’ignoto interlocutore comunicava il prezzo da pagare (€ 800,00) per rientrare in possesso dell’auto, indicando una piazza del rione Librino quale luogo di incontro.

Veniva predisposto un mirato servizio nel citato quartiere ad esito del quale il personale della Squadra Mobile – Sezione “Reati contro il Patrimonio e la P.A.” – Squadra Antiestorsioni bloccava Francesco Graziano Ferlito, Giacomo Cannavò e Domenico Agatino Cannavò che avevano appena ricevuto dalla vittima la somma di 800 euro.

L’autovettura rubata, che era stata portata in loco da FERLITO e CANNAVO’ Domenico Agatino, è stata restituita alla legittima proprietaria.
FERLITO Francesco Graziano è figlio del noto boss catanese Alfio Ferlito, assassinato a Palermo in data 16.6.1982 nella cosiddetta “strage della circonvallazione”.

Espletate le formalità di rito, gli arrestati, indagati anche per ricettazione in concorso, sono stati portati presso la Casa Circondariale di Catania piazza Lanza.

 

Raccomandati per te:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicita e social media, i quali potrebbero combinarli con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi