CATANIA: STALLE, MACELLI ABUSIVI E CAVALLI MALTRATTATI, SEQUESTRATI 3 LOCALI – FOTO

CATANIA: STALLE, MACELLI ABUSIVI E CAVALLI MALTRATTATI, SEQUESTRATI 3 LOCALI – FOTO

Ieri, personale del Commissariato P.S. Nesima e della Squadra a Cavallo e Cinofili dell’U.P.G.S.P. coadiuvati dal Nucleo Operativo Italiano per la Tutela degli Animali di Trapani, ha individuato e posto sotto sequestro un fabbricato rurale adibito a stalla abusiva, sito in via Palermo, dove si è accertata la presenza di tre cavalli utilizzati, verosimilmente, per le corse clandestine, privi di certificazione di proprietà e sanitaria.

Inoltre, venivano rinvenuti e sequestrati alcuni farmaci utilizzati presumibilmente per migliorare le prestazione dei suddetti equini.

Gli animali sono stati dunque sequestrati e saranno affidati al Nucleo Operativo Italiano per la Tutela degli Animali.

Il proprietario dei cavalli è stato deferito all’Autorità competente per il delitto di maltrattamento su animali.

Successivamente, dopo aver allargato il raggio dei controlli ad altri ambienti poco distanti, si constatava la presenza di altri due locali adibiti a stalla abusiva, entrambi successivamente posti sotto sequestro.

Nel primo venivano rinvenuti due cavalli privi di microchip e in evidente stato di abbandono stante la completa mancanza delle previste norme igienico-sanitarie, mentre nel secondo locale venivano rinvenuti tre cavalli dotati di microchip, ma privi di qualsiasi documentazione sanitaria e di proprietà, in evidente stato di abbandono e pronti per essere macellati, considerando che nel suddetto locale si rinveniva l’attrezzatura atta alla macellazione degli animali ed un banco frigorifero pieno di carne equina appena macellata e diretta alla probabile vendita, che veniva sequestrata e distrutta.

Anche questi animali venivano affidati in custodia a centri autorizzati mentre il proprietario di quest’ultima stalla, una volta rintracciato, veniva deferito all’Autorità competente per i reati di maltrattamento su animali e macellazione clandestina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *