Cimitero monumentale sotto assedio: non c’è pace nemmeno per i morti

95047.it Così come abbiamo titolato, non c’è pace nemmeno per i morti. Al cimitero monumentale la situazione non è delle migliori. Provare a fare un giro diventa persino deprimente: da una parte c’è l’incuria da parte di chi pulisce (che senso ha raccogliere i fiori secchi e buttarli di lato per essere raccolti chissà quando?); dall’altra una condizione strutturale non certo delle migliori (qua e là, lungo i viali, si scorgono pezzi di lapidi e marmi abbandonati ai bordi della promenade); nel mezzo, anche alcuni furti che diventano inspiegabili.

La porta d'ingresso della cappella forzata dai balordi (clicca per ingrandire)
La porta d’ingresso della cappella forzata dai balordi
(clicca per ingrandire)

Come quello avvenuto ai danni di una cappella: ignoti hanno forzato la porta d’ingresso rubando una bellissima croce in legno. “Vergogna, anche con i morti se la prendono”, il commento dei proprietari della cappella. La croce non avrà un valore economico inestimabile: ed allora, perché rubarla? Non è da escludere che possa trattarsi di un gesto legato alle sette sataniche. Così è se vi pare. Di sicuro, è una cosa meschina.

Ma il tour al cimitero monumentale non finisce qui. Già, perché diventa una impresa trovare anche una fontanella “utilizzabile” per riempire qualche bottiglia e dare refrigerio a

Una pseudo-fontana
Una pseudo-fontana

qualche fiore deposto sulle tombe dei cari: sono stati rubati, infatti, anche i rubinetti nella maggior parte dei casi. Tanti auguri.

Raccomandati per te: