Com, tre consiglieri presentano denuncia alla Corte dei Conti

95047.it. Ecco il testo dell’esposto presentato alla Corte dei Conti dai tre consiglieri:

“PREMESSO CHE
In Paternò, nel 2010 è stato costruito un centro C.O.M. ( Centro Operativo Misto ) Zona Ardizzone, con valore finale dell’opera di EURO 1.066.190,52 ( su importo finanziato dal Dipartimento Protezione Civile – Servizio Ricostruzione per la provincia di Catania,approvato il 04/07/2006).
In data 09/08/2010, prot. 0024314 codesto edificio è stato oggetto di collaudo tecnico-amministrativo con esito positivo, da parte dell’ingegnere Pasquale Amato nominato con provvedimento del 18/11/2009 dall’Assessore Regionale alla Presidenza, lettera di incarico del 28/12/2009, prot. n. 064233 e con la presenza dell’Ing. Andrea Bruno – Responsabile del Procedimento per conto dell’ ente appaltante Comune di Paternò.
In data 01/09/2010, prot. 038497 il Dipartimento della Protezione Civile, in seguito a sollecitazione, comunica che il RUP provvederà alla consegna dell’edificio al Comune di Paternò in qualità di stazione appaltante.

I suddetti Consiglieri Comunali già dal dicembre 2012 e successivi, hanno sollecitato l’Amministrazione Comunale con interrogazioni e comunicazioni a completare l’iter amministrativo di messa in funzione dell’edificio di cui sopra onde evitare danni erariali

ESPONE

Che dall’ultima data citata non risulta che il Comune di Paternò abbia preso in carico tale edificio, come da nota 038497 del 01/09/2010.

Che le Amministrazioni Comunali non hanno provveduto a dotare l’edifico di strumenti di videosorveglianza, custodia fisica e relativa messa in sicurezza.

Che a partire dal 2010 i locali del C.O.M. sono stati presi d’assalto da ignoti malviventi che hanno compiuto gravi atti vandalici provocando notevoli danni allo stesso edificio: distruzione e asportazione di infissi, porte, sanitari, impianto elettrico ed idrico, ed anche provocato un incendio al primo piano dell’edificio con conseguente gravissimi danni erariali.

Alla luce delle osservazioni sopra formulate

SI CHIEDE

di accertare i fatti descritti in premessa,

se gli Amministratori succedutosi si siano resi responsabili di danno erariale per non aver predisposto tutte le misure a salvaguardia del patrimonio sopraindicato”.

Raccomandati per te:

1 Comment

  1. Che tristezza vedere come è stato abbandonato un edificio pubblico, realizzato per il bene della nostra comunità ma abbandonato per disinteresse.
    Una struttura particolare: per gli addetti ai lavori realizzata su isolatori sismici. Mi chiedo, avranno smontato anche quelli?

I commenti sono chiusi.

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicita e social media, i quali potrebbero combinarli con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi