Da Tre Fontane a Ponte Barca: quanti pericoli su quelle strade al buio e insicure

95047.it Quella che vedete nelle foto è la Strada Provinciale 58 ovvero una strada che viene percorsa ogni giorno da centinaia di persone che lavorano nei magazzini e nelle terre di Contrada Tre Fontane, Contrada Cafaro, nelle campagne intorno al Ponte Barca, coloro che vanno a Sferro, a Sigonella, a Motta, a Gela, a Palermo, a Caltanissetta…La lista di tutti i luoghi è infinita…ma siamo davvero in tanti a percorrere questa strada ogni santo giorno! E tutti quanti ci troviamo nella stessa situazione di pericolo quando, dal tramonto in poi, non è più possibile vedere a distanza di un metro dal momento che non c’è un solo faro ad illuminare la strada! Parecchi sono i casi in cui ci si trova all’improvviso in mezzo alla strada qualche mucca che si è allontanata dalla propria stalla e si rischia di andare fuori strada o, peggio, di prenderle in pieno. Parecchi sono i casi in cui ogni sera si rischia di investire gli extracomunitari che abitano la zona e che scendono verso le campagne a piedi e senza nessun gilet catarifrangente che ci permetterebbe di individuarli prima di essere arrivati quasi alle loro gambe. Parecchi sono i casi in cui si rimane immobilizzati in macchina perché hai bucato o la macchina ha un guasto e non puoi nemmeno scendere a controllare perché non sai cosa possa esserci intorno a te in quel momento, non riesci a vederlo (le cattive notizie si sentono ogni giorno purtroppo).

IMG-20160115-WA0003Parecchi sono i casi in cui tutti i commercianti della zona (già profondamente colpiti da una situazione agricola devastata a causa dell’importazione estera e delle enormi tasse che come tutti i cittadini italiani sono costretti a sostenere) subiscono furti a mezzi e materiali grazie anche (e soprattutto) alla favorevole situazione di oscurità fornita comodamente ai ladri!
Insomma…questi spunti che vi sto fornendo sono soltanto alcuni dei problemi che crea, a noi tutti, la totale mancanza di illuminazione stradale.
Io personalmente percorro questa strada almeno quattro volte al giorno e quando la sera, alle 21 o alle 22 o alle 23, perché sono questi gli orari degli operai dei magazzini, devo rientrare a casa, ho sempre paura di non riuscire ad arrivarci!
Vi comunico questo problema presente da anni ed anni dal momento che, comunicandolo a membri dell’amministrazione comunale, non abbiamo ottenuto nulla. Forse hanno bisogno di altri morti per decidersi a collegare la corrente o cambiare le lampadine ai pali già predisposti sulla strada e che un tempo funzionavano perfettamente! Spero che attraverso questo articolo sulla testata online di 95047 si possa portare all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale il problema!
Jessica Gulisano

Raccomandati per te: