Franco Battiato presenta il suo film alla Scalinata settecentesca

Franco Battiato presenta il suo film alla Scalinata settecentesca

95047.it Giancarlo Santanocito lo pensava da tempo ed oggi ha fatto in modo ed in tempo che giungesse l’occasione: fare in modo che la storica e sempre suggestiva Scalinata settecentesca ospitasse un evento di tutto rispetto. E la proiezione del film del maestro Franco Battiato “Attraversando il bardo – sguardi sull’aldilà” è diventato già un evento: l’appuntamento – rigorosamente gratuito – è per domenica 29 novembre alle 17. Giancarlo Santanocito ne è, per l’appunto, il direttore artistico.

Ed, allora, direttore: da dove è nata questa idea?
“Da una vita vivo la Scalinata. E fin da quand’ero piccolo e mi è sempre rimasta impressa l’idea di potere realizzarvi qualcosa di bello. Io che sono paternese non ho mai potuto organizzare nulla ed ho voluto farlo, finalmente, adesso. Con i ragazzi di Stratanova e col vostro giornale 95047.it che ci ha dato un aiuto importante senza dimenticare l’editore Adriana Di Perna; così come anche la Pro Loco, il Leo cub e gli sponsor, lo abbiamo reso possibile”.

Indubbiamente, bella la visita di Battiato a Paternò.
“Io non credo che non si vada in alcuni posti, come Paternò, per un motivo di soldi. E’ una cosa che va oltre”.

E cioè?
“Io credo sia una questione di mentalità: una mentalità che troppe volte trovo anche nei giovani. Noi dobbiamo scacciare il vittimismo e se abbiamo cose da fare e voler fare abbiamo possibilità e persone per poterle fare. Ma se nessuno comincia a pensare a queste cose non andiamo da nessuna parte. Io, economicamente parlando, sto organizzando tutto grazie all’aiuto di qualche solerte sponsor che non si è tirato indietro. Senza alcun finanziamento pubblico”.

E, poi, c’è la Scalinata.
“Certo e ringrazio il Comune per avermi messo le strutture a disposizione. Nella malaugurata ipotesi di maltempo, ci trasferiremo a San Francesco alla Collina”.

Cosa avverrà esattamente domenica 29?
“Il maestro Battiato presenterà e spiegherà il senso del suo film. Si tratta di un film molto forte, a partire dal titolo. Battiamo spiegherà tutto, farà una introduzione. Poi, verrà proiettato il film”.

E’ una iniziativa che resterà isolata?
“Personalmente, ho un’altra cosa in programma: quella di realizzare una Scuola per cinema e teatro: si sono messi tutti a disposizione, dall’assessore Borzì in poi, e spero di riuscirci. Il maestro Battiato, Salvatore Lazzaro, Francesca Ferro, Bruno Torrisi e Raimondo Todaro potrebbero essere alcuni dei docenti. E la struttura potrebbe essere quella dell’ex Ospedale. Vedremo”.

1 Commento

I commenti sono chiusi.