La cultura sotto chiave: imbarazzante silenzio sulle opere della Galleria d’Arte Moderna

La cultura sotto chiave: imbarazzante silenzio sulle opere della Galleria d’Arte Moderna

95047.it 

Tano Alfieri, Cenere (1992)
Pia Aloisi, Lex (1993)
Turi Aquino, Tormenta (1993)
Arturo Barbante, Metallic box (1993)
Cesare Berlingeri, Grigio africano (1989)
Duccio Berti, Come una statua antica sei (1986)
Carlo Bertocci, Il sogno (1985)
Antonio Brancato, La bacheca incantata (1985/1986)
Remo Brindisi, Uomo sdraiato (1972)
Angelo Celeste, Materia ed energia del colore (1987)
Carla Cerati, L’architetto Giò Ponti nella sua casa (1976)
Tano Corallo, Cactus IV secolo a. C. (1993)
Piero Corpaci, Studio per… (1992)
Michele Cossyro, Slittamento (1986)
Fernando De Filippi, Le ambiguità apparenti (1985)
Giacomo Failla, Frammenti n.2 (1993)
Enzo Federici, Il paese di Babele (1992)
Francesco Finocchiaro, Untitled (1992), Untitled (1993)
Paola Fonticoli, Senza titolo (1986)
Cesare Fullone, Non euclideo (1987)
Luigi Gismondo, Cresta (1992)
Andrea Granchi, Susanna e i vecchioni (1983)
Piero Guccione, Study n. 5 for the life and death of the Hibiscus (1980)
Patrizia Guerresi, Annunciazione (1986)
Enzo Indaco, Visione e capriccio (1986)
Paolo Jacchetti, Senza titolo (1986)
Riccardo Lumaca, Triplice ritratto del Parmigianino (1985)
Mafonso, Le lune di Crio (1988)
Luigi Malice, Genesi (1980)
Silvio Marchese, La sposa (1993)
Nicola Maria Martino, Mattinata adriatica (1986)
Claudio Marullo, La razza bianca (1990)
Miresi, y (1987)
Achille Pace, Fuga n.2 (1990), Ecologia n.3 (1990), Itinerari disseminati n.2 (1987)
Antonio Pagliaro, Senza titolo (1992)
Alberto Parres, La macchina infernale (1988)
Pino Pinelli, Pittura 87 (1987)
Fausto Pirandello, Bagnanti (1966), Pastelli (1983)
Franco Politano, Cavaliere ariano (1990)
Roberto Roberti, Flautus vocis (1987), Attraverso i golfi dello spazio (1986), Index (1986), Specchio fuggente (1993)
Salvo Russo, Chimera (1985), Con Arte (1993)
Mario Sironi, Lavoratore (1928)
Tsunshan, 861211 (1986)
Stefano Turrini, Il tempo, la memoria e la sua stele (1987)
Sergio Vacchi, La ballerina e il suo sponsor (1986)

Questo lungo elenco costituisce l’inestimabile serie di opere che dovrebbe costituire la Galleria d’Arte Moderna. Ma di queste opere (a parte qualcuna “appesa” senza alcun criterio logico-artistico e assolutamente fuori contesto all’ex Palazzo Alessi) non se ne sa più nulla. Probabilmente chiuse in qualche magazzino del Comune. E’ anche così che muore la cultura: in silenzio. Senza rendere conto a nessuno.

1 Commento

I commenti sono chiusi.