La versione di Calì: “Il Pronto Soccorso resisterà”

95047.it “Il Pronto Soccorso di Paternò nel piano di rimodulazione della rete ospedaliera previsto dalla Regione è un punto da riqualificare. Ha chiuso il 2014 con oltre 35 mila prestazioni l’anno. E’ vivo, attivo ed efficace e l’azienda ha interesse ad investire sul Pronto Soccorso allargandone la ricettività. L’azienda vuole investire staremo a vedere nel tempo quale sarà l’indirizzo che seguira l’azienda anche in vista della nuova assunzione di responsabilita del direttore generale dell’Asp 3 di Catania che dovrebbe insediarsi a breve. Bisogna migliorare la qualità dell’accoglienza e il livello esistenziale, ma il Pronto Soccorso resiste e resistera nel tempo”. A parlare è Salvo Calì direttore medico degli ospedali di Paternò, Biancavilla e Bronte.

Calì fa anche riferimento ad una parte di ala del Santissimo Salvatore interessata ai lavori che sono stati bloccati nell’ormai lontano 2008: “C’è un investimento dell’azienda non indifferente che dovrebbe partire a giorni e che potrebbe addirittura far mettere mani al cantiere già a settembre e che prevede il ripristino dei locali che sono stati danneggiati dai lavori che sono stati interrotti, per restituire cosi un piano, nell’arco di pochi mesi. Mi riferisco in particolare al piano di medicina che consentira di allargare la degenza”.

Nulla da fare, invece, per l’accorpamento del reparto di pediatria dell’ospedale che è stato trasferito a quello del Maria Addolorata di Biancavilla: “Nel piano della rimodulazone della rete ospedaliera il reparto di pediatria a Paternò non c’è più e segue lo stesso destino di ostetricia e ginecologia e comunque in questo frangente le ragioni per il quale si pensava di accorparlo è perché’ c’è una riduzione importante di ricoveri in questo periodo e poi perche il personale medico può usuruire delle ferie senza creare disagi. Concentrare i ricoveri in un unico presidio risulterebbe ottimale per garantire servizi ottimali ai ricoveri che, ripeto, in questo periodo dell’anno risultano essere inferiori”.

Raccomandati per te:

2 Comments

  1. Ancora credete alle alle minc……te che dice il Dott. Cali ,il quale voglio ricordare che è vero che nel piano della rimodulazione della rete ospedaliera la Pediatria e’ stata ingiustamente assegnata a Biancavilla ,ma all’ospedale di Paterno’ sono stati assegnati 7posti letto di Cardiologia,7 posti letti di Neurogia e 12 posti letto di Riabilitazione ed ancora oggi non c’è’ nessuna traccia e il Dott. Cali non fa nessun riferimento essendo contro l’Ospedale di Paterno’, perché i suoi amici del PD e della CGIL glielo hanno imposto.

  2. ci stanno togliendo tutto ! nessuna lotta seria ma solo un perbenismo da ipocriti ci tiene legati all’ amministrazione straniera che fa quello che vuole a casa nostra . Quali sono le responsabilità dei midia e delle associazioni locali quando sottovalutano legittime rivendicazioni di autodeterminazione del nostro popolo, oscurandone il diritto cogente ?

I commenti sono chiusi.

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicita e social media, i quali potrebbero combinarli con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi