NAPOLI: Ruba un’ auto e chiede al carro attrezzi di portargliela fin sotto casa: arrestato

Aveva forzato la portiera di un’auto parcheggiata in strada a Meta per poi apporvi targhe false nel tentativo di dissimulare il furto. Poi, per farla sparire, aveva pensato bene di chiamare un carro attrezzi fingendosi il proprietario della vettura e così era riuscito a farsela trasportare fin sotto casa sua a Castellammare. Protagonista della singolare vicenda A. O., un 40enne incensurato stabiese, arrestato dai carabinieri di Piano di Sorrento per furto aggravato e falsità materiale.

Il 20 luglio scorso, l’uomo mette a segno il colpo a Meta. Nel tentativo di mettere in moto l’auto rubata, infila un coltello da cucina nel blocco dell’accensione. Niente da fare, la vettura non parte. A quel punto contatta il carro attrezzi.

L’impiegato della ditta resta perplesso quando vede la lama in quella strana posizione, ma A.O. lo rassicura spiegando di aver perso le chiavi e di aver fatto ricorso a quell’espediente per accendere l’auto di cui si dichiara proprietario.

A far luce sulla dinamica del furto ci hanno pensato i carabinieri della stazione di Piano e della compagnia di Sorrento, coordinati dal capitano Marco La Rovere, che hanno infine eseguito l’ordinanza di custodia cautelare spiccata dal gip del Tribunale di Torre Annunziata.

Il ladro si trova ora agli arresti domiciliari nella sua casa di Castellammare, mentre la vettura rubata è stata restituita al proprietario.

Raccomandati per te: