NUNZIA SCHILIRÒ: «IL GREEN PASS È ILLEGITTIMO»: MA LA POLIZIOTTA VICE QUESTORE RISCHIA IL LICENZIAMENTO

Sono “gravissime” per il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese le affermazioni della vicequestore della polizia di Stato Nunzia Alessandra Schilirò già sottoposta a procedimento disciplinare poiché sabato pomeriggio ha parlato dal palco di piazza San Giovanni a Roma durante una manifestazione contro il Green Pass “come libera cittadina”.

La titolare del Viminale segue “la vicenda personalmente con il capo della Polizia Lamberto Giannini”,affinché “vengano accertate, con assoluta celerità, ler esponsabilità sotto ogni profilo giuridicamente rilevante a carico dell’interessata”

“E’ bello apprendere dai giornali, anziché dalla propria amministrazione, di essere già sotto procedimento disciplinare. Sono molto serena”.

Si sfoga così Nunzia Alessandra Schilirò, la vicequestore che ieri è intervenuta sul palco del sit-in dei No-Pass in piazza San Giovanni a Roma. “Ieri – scrive in un post su Facebook – mi è capitata l’occasione di esercitare i miei diritti previsti dalla Costituzione e l’ho fatto. Il mestiere che svolgo è pubblico.

Ho ricevuto quattro premi dalla società civile per i miei risultati professionali”.

“Ieri – aggiunge – ero solo una libera cittadina che esercita i propri diritti. Se l’amministrazione non gradisce la mia fedeltà alla Costituzione e al popolo italiano, mi dispiace, andrò avanti lo stesso”. Quindi conclude: “Andrò avanti sempre, con o senza divisa, per amore del mio Paese”.

Il vicequestore Nunzia Alessandra Schilirò,  è salita sul palco dove ha arringato i manifestanti, definendo il Green pass una “tessera di discriminazione”. Un intervento che ha suscitato non poche reazioni, e, in relazione alla sua partecipazione alla manifestazione è stata avviata un’azione disciplinare dalla questura di Roma.

Ma non è la prima volta che la poliziotta esterna le sue posizioni. E’ stata presentata sul palco come autrice di Byoblu (sul sito on line è pubblicato anche un video dell’intervento e una sua intervista) una “tv dei cittadini” che ospita personaggi dichiaratamente no vax.

Il vicequestore ha esordito sul palco dicendo di essere “qui oggi come libera cittadina per esercitare i miei diritti previsti dalla Costituzione”, però viene presentata in qualità di dirigente della polizia e il suo ruolo esaltato nella causa no pass. Nel suo discorso, dove cita anche Gesù e Gandhi, dice che “il momento storico che stiamo vivendo è di una gravita senza precedenti e manifestare è come denunciare un delitto” e definisce il green pass “la tessera della discriminazione, il marchio della discriminazione”. Si aspettava conseguenze per la sua partecipazione, come ha preannunciato dal palco: “Ho detto ad una mia amica che avrei partecipato, mi ha detto che sono pazza, ‘da domani non avrai più una carriera. Tanto il male ha già vinto’ e io le ho risposto ‘il male non ha vinto'”.

Sul sito di Byoblu in un’altra intervista la poliziotta ribadisce ciò che ha detto sul palco riguardo al Green pass: “Io sono per rifiutarlo su tutta la linea. Non si può scendere a questo compromesso, non si può accettare”. E leggendo l’intervista si scopre che Nunzia Alessandra Schilirò è anche autrice, proprio per Byoblu, di un romanzo definito “di successo”: La ragazza con la rotella in più, ovvero “il racconto di persone arrabbiate col mondo, emarginate, sole, ma che non si sono arrese”.

Le sue posizioni sono ribadite sui suoi canali social, dove condivide anche articoli e post su varie teorie negazioniste e complottiste.

Su Facebook ha postato il video del suo intervento alla manifestazione no pass, sottolineando “mai avrei immaginato di finire sul palco” ringraziando “le migliaia di persone” che l’hanno ascoltata. Alla manifestazione – indetta da Ancora Italia, Movimento 3V, No paura day, Primum non nocere, FISI e Fronte del dissenso – per gli organizzatori sono arrivate 100mila persone.

Per chi osservava poche migliaia.

Seguici su FACEBOOK e INSTAGRAM ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM per essere aggiornato sulle notizie e nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi.