Paternò e la bretella a rischio crollo (ma dove si continua a transitare)

Paternò e la bretella a rischio crollo (ma dove si continua a transitare)

95047.it La scorsa estate avevamo già avuto modo di sollevare la questione. Quella bretella di collegamento tra la zona di Tre Fontane e l’uscita dalla città verso Catania, ha qualcosa che non va. Troppe crepe sul terreno. Troppi punti dove la strada appare totalmente scoscesa. Era agosto, quando una ordinanza sindacale vietò il transito veicolare sulla bretella in attesa di capirci qualcosa di più. E dai tecnici il responso fu inappellabile: sotto il manto stradale c’è presenza di argilla e acqua che “piega” in più punti la strada. Una sola domanda: “La strada in questo modo è sicura?”. “No”, fu la risposta fredda e glaciale dei tecnici. Fatto sta che su quella arteria si continua però a transitare: ed a farlo sono soprattutto i mezzi pesanti che bypassano il centro cittadino. Incuranti o, forse, all’oscuro di tutto.

Di recente, proprio nei giorni scorsi, il collega Salvo Spampinato sull’edizione nazionale de La Sicilia, è tornato sulla vicenda fotografando al meglio il caso: “Le anomalie sulla bretella comunale non finiscono qui – scrive Spampinato -. Perché se è dimostrato che la strada è soggetta a cedimento e che questo rappresenta una minaccia per chiunque vi si trovi è anche vero che la segnaletica presente su entrambi i lati della carreggiata risulta quantomeno dubbia. I segnali, infatti, avvertono del pericolo per la presenzia di “strada dissestata” ed indicano anche l’’ordinanza sindacale ma nulla dicono sul divieto di transito”. In pratica, su quella strada non si potrebbe transitare affatto.

Per la cronaca, i lavori dell’arteria stradale sono cominciati nel 2008 e consegnati o, meglio, inaugurati nell’ottobre del 2012. Ora, evitando qualsiasi dietrologia (e, volessimo, saremmo bravissimi a farne): è normale che già a distanza di qualche mese dall’apertura di una strada accadano queste cose? E chi pagherà per questo disastro? Forse la Catania-Palermo ce l’abbiamo in casa. La realizzazione della strada è costata quasi 6 milioni di euro.

1 Commento

  • Senza ombra di dubbio uno scandalo questo della bretella, di questa circumvallazione esterna, che se fosse stata fatta come si deve e completata, avrebbe decongestionato il traffico al centro di Paternò, riducendo il numero di ingressi di veicoli dalla SS 121.

    Questo problema, sommato ad un pesante deficit infrastrutturale complessivo di cui Paternò soffre, ed a cause di altra natura (inefficenza amministrativa), costituiscono un freno per il rilancio della zona ASI di Tre fontane, fino ad oggi un progetto rimasto lettera morta.

    Se non erro questa bretella consegnata tre anni fa, incompleta, é lunga 1, 5 km: 6 milioni di euro sono troppi, c’é qualcosa che non quadra. Vien da chiedersi inoltre se chi ha progettato l’opera sapeva o meno se il terreno su cui si andava a ccostruire fosee argilloso, e dunque pericoloso per la stabilità del manto stradale.

I commenti sono chiusi.