ROMA. SUV AL RISTORANTE OCCUPA IL MARCIAPIEDE: APPARECCHIANO SUL COFANO

Nella zona Tuscolana di Roma, un SUV bianco di tipo Land Rover ha attirato l’attenzione per il suo parcheggio incivile e spesso pericoloso.

Le ruote del veicolo, che raggiungono l’altezza della vita, sono state viste sulle strisce pedonali o direttamente sul marciapiede, ostacolando il passaggio di pedoni e passeggini.

Ma l’ultimo atto di sfida da parte del guidatore ha superato ogni limite, quando ha spinto il muso del veicolo tra i tavolini di un piccolo ristorante, poco prima del pranzo.

La reazione dei cittadini non si è fatta attendere: stanchi di comportamenti così arroganti, hanno deciso di impartire una lezione creativa al proprietario dell’auto. Il cofano del SUV è stato elegantemente “apparecchiato” con una tovaglia a quadretti rossi e bianchi, accompagnata da bicchieri, cestino del pane e persino una caraffa con un fiorellino.

Un biglietto appoggiato sul tergicristallo recitava: “Parcheggi il SUV davanti al ristorante sul marciapiede? E io ti apparecchio il cofano!”.

Questa iniziativa, al di là della sua vena umoristica, rappresenta un segnale di esasperazione in una città come Roma, dove il parcheggio selvaggio è all’ordine del giorno e spesso causa ingorghi e disagi per i residenti.

I commercianti della zona hanno confermato che questo SUV è un habitué del parcheggio selvaggio: “Quel SUV parcheggia sempre così, quando non occupa il marciapiede lascia la macchina sulle strisce…”.

Nonostante la protesta silenziosa dei cittadini, l’automobilista, al suo ritorno al SUV con le buste della spesa, non sembrava affatto pentito. Anzi, si è mostrato adirato e ha sollevato la voce contro i presenti, che nel frattempo si erano fermati per fotografare e documentare la situazione: “Ma vi sembra questo il modo?”.

Alla fine, il signore è andato via sbuffando, liberando il marciapiede e il ristorante, ma lasciando dietro di sé un senso di impunità che preoccupa i residenti del quartiere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.